Seat Pagine Gialle

SEAT PAGINE GIALLE: long white e volumi ancora in aumento progressivo per Seat che sembra voler confermare l’accelerazione in atto. Possibilità di ingresso rialzista con stop in area 0.175 da dove sono partiti i primi grossi acquisti. Nessun target per ora al rialzo ma posizione da seguire eventualmente in trailing stop.

Leggi tutto

PIRELLI REAL ESTATE

PIRELLI REAL ESTATE: volumi in aumento e interessante accelerazione in corso per il titolo che dopo la fase laterale di accumulazione dell’ultimo mese potrebbe allungare al rialzo con target non al momento definibili. Possibilità di anticipare il movimento con stop sui minimi dell’area di accumulazione identificabili sui 0.54 euro. Titolo che in caso di partenza potrebbe diventare esplosivo.

Leggi tutto

Analogie grafiche e mercati

La moderna teoria finanziaria si basa sull’ipotesi di mercati efficienti. I mercati sono efficienti, in maniera molto semplificata, quando le informazioni e le aspettative degli operatori e del mercato sono pienamente e istantaneamente incorporate dai prezzi degli asset finanziari. Questo comporta (e ne sono pienamente daccordo) che sia inutile trovare notizie o “rumors” che possano in futuro influenzare i prezzi. La conseguenza è anche quella di rendere inutile l’analisi tecnica e grafica (qui sono leggermente meno daccordo). L’efficienza dei mercati comporta che i movimenti degli stessi siano assolutamente casuali e non permettano, ad esempio di entrare ed uscire da un titolo basandosi sull’analisi grafica e ottenendo extrarendimenti nel medio lungo periodo. Il mio disaccordo proviene da un problema operativo. Quando i grossi operatori devono o vogliono entrare su un titolo o su un asset lo fanno poco alla volta. Non possono coprire l’intera posizione istantanemante causa la mancanza di liquidità (o di controparti disposte a vendere quell’ammontare a quel prezzo) quindi i movimenti grafici possono segnalare la forza relativa di quel titolo o comunque la presenza di mani forti che hanno la volontà di assorbire le quantità in vendita. Questa non è comunque la soluzione, ma solo un aiuto operativo nell’analisi

Leggi tutto

Finmeccanica e Generali

FINMECCANICA: long white e volumi in aumento per Finmeccanica che testa l’importante resistenza dinamica di medio termine in area 10.20. Sopra questa quota trend di medio che diverebbe positivo con obiettivi 11.20 e in seguito 12.50. GENERALI: titolo che rompe con forza e volumi la trend line ribassista di medio termine passante in area 15.00 euro. Possibilità di vedere i 16.30 e i 17.30 nell’eventuale proseguimento del rally. Stop loss per un ritorno in close sotto i 15.00/14.80.

Leggi tutto

Analisi Blue Chips italiane

L’archivio è qui: http://www.borsainside.com/mercati_italiani/mercati_italiani.shtm

Leggi tutto

Analisi Indici

Mercati che nell’attesa delle trimestrali che prendono il via domani con Goldman Sachs, mettono a segno una seduta di assoluta forza con acquisti continui concentrati in maggior parte su financial ed energetici. Le attese del mercato si posizionano dunque su utili mediamente superiori alla attese. Indice Dax che recupera interamente nella giornata di oggi tutte le perdite della settimana scorsa (oltre 200 punti). Tecnicamente, i prezzi a fine giornata, segnalano un pulito segnale di acquisto sull’equity che teoricamente potrebbe essere interpretato come il minimo del pull back in corso. Pull back che non aveva importanti riferimenti grafici su cui appoggiarsi. Il mercato sembra ora trovarli. Unica nota contrarian nella forte salita dell’azionario l’assenza di correlazione sul mercato dei bond (tendenzialmente più prudente e spesso più significativo sulle inversioni vere) e sul mercato delle valute, entrambi immobili rispetto al comportamento dell’equity. Operativamente possibile l’apertura di posizioni rialziste sull’azionario con stop sui minimi odierni, che fungono per il futuro da primo supporto ai prezzi (4520 sul Dax future). Sul Future nostrano (Spmib) livello di supporto in area 17630 e target primo sui 19500. Da verificare il comportamento dei bond. La loro mancata reazione sullo short squeeze odierno preoccupa un pò.

Leggi tutto

Geox e Saipem

GEOX: titolo che fa minimo rotondo in area 4.8. Volumi in leggero calo e possibilità di movimento tecnico rialzista con target primo sui 5.30/5.40. Stop loss ferreo sotto i minimi di ieri in area 4.80. SAIPEM: inverted hammer e volumi oltre la media per Saipem che arriva precisa al supporto statico sui 16.00 fornendo la possibilità di un ingresso rialzista a rischio limitato. Stop loss sotto i 15.90 e target primo sui 18.00 e in seguito sui 20.00.

Leggi tutto

Eni, Fiat, Intesa San Paolo.

ENI: titolo che dopo il test sporco dell’area di resistenza sui 18.5 storna con volumi nella media verso il primo obiettivo di breve, la trend line rialzista passante sui minimi odierni, in area 17.50. Sotto questa quota trend possibilità di rivedere il test della prima statica di medio sui 16-16.5 dove il titolo aveva accumulato nel mese precedente. Negativo solo sotto i 16 euro. Sopra i 18.5 spazio verso i 22.00. FIAT: titolo che continua a muoversi all’interno dell’area laterale tra i 7 e gli 8 euro. Volumi in calo e per il momento trend di medio che rimane positivo mentre il trend di breve rimane neutro. Interessante seguire il movimento su rottura al rialzo degli 8 euro o in caso di violazione dei 7 con posizioni ribassiste. con target 5.50. INTESA SAN PAOLO: evidente dal punto di vista grafico l’indebolimento del trend di breve dopo la mancata rottura dei massimi e la formazione dei due massimi di periodo in area 2.65 e in area 2.50. Primo target tecnico di breve in area 2.36 e in seguito più probabilmente sui 2.20. Sotto questa quota di nuovo negativo.

Leggi tutto

STM

STM: Long white e volumi in aumento per StMicroelectronics che punta verso la parte alta del triangolo in formazione, fermandosi sulla piccola trend line superiore passante sui 5.20. Conerma per ora del minimo in area 4.80 dove potrebbe essere inserito lo stop loss per le operazioni rialziste in corso. Sopra i 5.20 possibiltà di nuovi acquisti sempre con stop sotto i 5.80.

Leggi tutto

Analisi Mercati e Stress test

Dati macro che confermano per ora il passaggio da una situazione di panico a quella di recessione. Vendite al dettaglio, occupazione e mercato interbancario in rentro parziale aiutano gli operatori a ribilanciare i portafogli a favore dell’equity. La ricerca del benchmark per i molti rimasti fuori, nella prima parte del rimbalzo, contribuisce al fenomeno di overshooting (prevedibile da mesi nei modi ma non nei tempi) osservato nelle ultime sedute. I volumi in aumento deciso nell’ultima settimana confermano questa ipotesi di rincorsa al benchmark per gli istituzionali. I primi risultati ufficiali sugli stress test compiuti sui bilanci delle 19 principali banche americane e resi noti oggi dal governo Usa presentano luci e ombre. Il mercato sulla notizia come spesso accade vende (sell on news) avendo già incorporato una situazione di potenziale futuro equilibrio sul settore financial. I dati confermano una discreta solidità dei bilancio delle banche osservate, in termini di patrimonializzazione ma anche la possibilità in caso di worst scenario (peggioramento della qualità dei crediti e dei mutui) di ulteriori capitalizzazioni per circa $ 600 miliardi nei prossimi due anni, di cui $ 75 nei prossimi 6 mesi. Da considerare che la situazione di scenario peggiore è stata strutturata sui dati della

Leggi tutto
Close