Euro Dollaro

Eur/Usd: cambio euro dollaro che presenta una interessante configurazione tecnica. Prezzi che sembrano voler allontanarsi dal minimo di medio in area 1.30 puntando alla importante resistenza dinamica di lungo termine coincidente alla media mobile a 200 giorni, entrambi passanti per area 1.35/1.37. Sopra questa quota e in caso di mantenimento della correlazione (probabile) positiva con l’azionario, sitazione che diverrebbe rialzista nel medio termine con obiettivo sullo spike di Dicembre 2008 in area 1.45. Di nuovo negativo solo sotto 1.29/1.28.

Leggi tutto

Indice SpMib

SPMIB: indice che continua nel movimento a V che prosegue dai minimi di metà marzo. Dopo il test perfetto e il successivo pull back sulla prima statica di medio in area 18700 prezzi che rompono agevolmente puntando all’importante livello di lungo termine in area 20500-21000 coincidente alla resistenza dinamica di lungo e alla media mobile a 200. Movimento generale che incorpora correttamente le nuove informazioni giunte sul mercato nell’ultimo mese ma che appare tecnicamente insostenibile almeno nel breve. Outlook che rimane neutro fino al superamento di area 21000-21500.

Leggi tutto

Stoxx Future. Sopra 2200 si vola.

Area 2200 fondamentale dello Stoxx fondamentale per gli indici equity. Sopra 2200 spazio fino ai massimi e probabile la successiva rottura e proseguimento del trend rialzista in corso.

Leggi tutto

Situazione mercati

Ricoperture che continuano violente e indici azionari che arrivano a ridosso del secondo livello di resistenze. Mercati che reagiscono correttemente ai nuovi dati macroeconomici e alle trimestrali giunte sul mercato nel corso delle ultime due settimane. Ottimi in questa settimana i dati sulla fiducia e sull’occupazione entrambi migliori del previsto e le trimestrale di JPMorgan, Citigroup, Google, General Electric, tutte oltre le attese. Premio al rischio sull’equity che scende dai livelli record di metà marzo ma per ora ancora in assenza di fuga dai bond: i dati core sui prezzi rimangono ancora molto deboli. Per ora nessuno ancora parla di inflazione. Sp500: interessante la configurazione tecnica dell’indice. Prezzi che arrrivano a testare 880 punti sulla resistenza statica di medio termine e corrispondente alla media mobile a 180 giorni, praticamente inviolata da fine 2008. Scenario possibile quello di un ritorno verso area 800 per consolidare il rally di marzo/aprile. In caso contrario target veloce sui 950 punti. Dax: indice Dax arriva con volumi sostenuti in area 4700. Livello coincidente alla prima statica di medio e al test della trend line ribassista di novembre 2008. Sopra 4700 spazio sino ai 5100 punti sulla fondmentale resistenza di lungo. Solo oltre questa quota la crisi

Leggi tutto

Indice SPMIb40

Indice Spmib che arriva in mattinata a testare area 17300, importante reistenza dinamica di medio termine. Improbabile la rottura dell’area nel breve termine e possibilità congestione nel box 15000/17000. In caso di rottura al rialzo dei 17300 spazio sino ai 19000 e 21000 punti e miglioramento anche del trend di medio termine. Sotto i 15000 target ancora sui minimi.

Leggi tutto

Indice SpMib 40

Primo†target†in†area†17420†quasi†raggiunto†per†l’indice che†in†caso†di†rottura†potrebbe†puntare†verso†quota†21000. Situazione†che rimane†negativa†fino†all’eventuale†superamento†di†area†17400-17500.

Leggi tutto

Situazione mercati

Premio al rischio che sembra attenuarsi nell’ultima parte del mese di marzo e flussi che tornano decisi sull’equity mondiale. Reddito fisso e valute che per il momento non sembrano correlarsi al movimento. Gli stimoli governativi iniziano a portare una momentanea fiducia sui mercati anticipata dal recupero del settore finanziario. Problemi che sembrano spotarsi dal lato macro al lato micro (disagi sociali). G20 che termina con una visione unanime: quella di continuare a finanziarie la spesa e combattere la deflazione con politica monetaria (tassi bassi) e fiscale. Per ora ampiamente sottovalutato, se non assolutamente menzionato, il problema di overshooting cioè la possibilità che il sistema economico reagisca troppo violentemente agli stimoli portandosi troppo presto e troppo velocemente in una situazione di eccesso di moneta e di inflazione (le misure del G20 parlano di 5000 Milardi di Dollari). Dal punto di vista tecnico: Dax Index: importante formazione di un nuovo minimo più alto in area 4000 con la conferma della volontà del mercato di allontanarsi da quell’area. Prezzi che ora sembrano puntare verso la seconda resistenza statica in area 4700 e in seguito sulla più importante area sui 5000. Trend di breve in miglioramento, outlook di medio che rimane stabile almeno fino in

Leggi tutto

Situazione mercati

Importanti ricoperture sul settore financial che favoriscono il massiccio rimbalzo dell’equity dai minimi dei primi di marzo. Movimento giustificato e iniziato sulle dichiarazioni di Citigroup (1 bimestre 2009 in utile) con succesive conferme da altri istituti (Unicredit vede cedola). La presentazione di ieri del piano USA sul recovery degli asset tossici, ha contribuito ad una ulteriore accellerazione del movimento. Il piano di salvataggio (da 500 a 1000 miliardi di $ !!) si sviluppa sul contributo dei privati e della cassa depositi e prestiti americana al riacquisto dei titoli illiquidi presenti nell’attivo delle banche e gli eventuali rendimenti posiivi forniti dal successivo apprezzamento dei bond andranno a remunerare il rischio assunto. Ieri altro dato positivo sulla vendita di case esistenti in USA (4.72 milion contro 4.45 di previsioni e 4.49 di dato precedente). Dal punto di vista tecnico quadro che rimane ancora invariato con gli indici azionari nei pressi di importanti resistenze. Per ora ancora nessun fenomeno massiccio di uscita dai Bond per eventuale ritorno di appetito per il rischio anche a causa dell’azione insaspettata di quantitative easing della scorsa settimana (acquisto da parte del Tesoro USA di titoli a lungo per mantenere i tassi bassi e la curva schiacciata). SP500: indice

Leggi tutto

AIG Bonus

AIG, ai manager 165 milioni in bonus per il 2008 (Teleborsa) – Roma, 16 mar – Il Tesoro Usa ha tentato invano di bloccare la decisione della statunitense AIG, di pagare i superbonus ai suoi dirigenti. Il gruppo infatti ha deciso di distribuire ai manager circa 165 mln di dollari. Il colosso assicurativo ha ricevuto 170 miliardi di dollari di aiuti per evitare il fallimento. Larry Summers, consigliere economico di Obama, ha definito oltraggiosa tale decisione. Ma il presidente del gruppo assicurativo, Edward Liddy, ha comunicato alle autorità che la compagnia è legalmente obbligata a versare ai dirigenti i superbonus, per accordi presi prima della crisi finanziaria, che ha portato la compagnia sull’orlo del fallimento.

Leggi tutto

Saipem, Fiat, Buzzi, Autogrill

Saipem: spinning top e volumi elevati per Saipem che si allontana decisa dal supporto costituito dalla trend line rialzista di medio passante in area 11.50. Primo target tecnico in area 14 sulla parte superiore del canale rialzista. Oltre questa quota nuova forza per il titolo. Stop loss sotto 11.30-11.20. Fiat: titolo che arriva e si ferma perfettamente sulla resistenza in area 4.80, parte superiore del canale laterale con estremi 3.35-4.70. Solo un’uscita di forza oltre area 4.80-5.00 potrebbe fornire nuovi spunti per acquisti sul titolo. Livello di stop sotto i 3.35 per posizioni già aperte. Stop per un ritorno sotto 4.30-4.40 per ingressi su rottura di 4.80. Buzzi: Titolo che continua a fare base in area 7.00 euro con volumi discreti. Possibile un allungo di breve verso area 8.00. Stop molto contenuto ma ferreo per eventuale rottura sotto i 6.60. Autogrill: doppia white candle e volumi record per Autogrill che arriva subito nei pressi della ripida resistenza dinamica di medio passante sui 4.2. Possibile pull back su questa quota. Spazio solo sopra i 4.20 con target 5.00 e in seguito sui 7.00. Possibilità di ingresso dopo l’eventuale storno successivo al test dei 4.20-4.30 con stop sotto i 3.60.

Leggi tutto
Close