Venti di guerra e rischi di portafoglio.

Come incide un evento bellico sul valore del patrimonio finanziario?

Dipende dalla composizione del portafoglio.


Un evento bellico, come qualsiasi altro shock (evento non atteso), non fa altro che aumentare il rischio. L'aumento del rischio è la vera ed unica variabile che innesca tutti i fenomeni osservabili sui prezzi e sul valore (processo di price discovery). Tutto cambia valore per effetto del rischio percepito e potenziale a prescindere dalla causa che lo ha generato.


L'aumento del rischio genera un aumento del rendimento richiesto o atteso per sopportare quel rischio. L'aumento del rendimento atteso significa: sono disposto a comprare solo a prezzi più bassi. E' per questo che i prezzi scendono.

Come quando stiamo andando o vogliamo andare al mare e ci accorgiamo dell'arrivo di un temporale. Se non associamo un incentivo all'andare al mare, un pranzo di pesce, un aperitivo o un amico che ci aspetta, il rendimento di una giornata al mare diventa troppo basso per il rischio di prendere la pioggia sotto l'ombrellone. Richiediamo un premio per andare comunque al mare. Il premio in finanza è un prezzo più basso.


L'aumento del rischio si riflette in misura diversa sul valore del portafoglio. L'effetto non è scontato se il portafoglio è ben diversificato e composto da strumenti efficienti.


Solitamente l'effetto netto di un aumento del rischio (causa) è sintetizzabile in questi punti (effetto):

Azioni GIU', Bond SU, Beni rifugio SU (fly to quality o fuga verso la qualità):



A) Azionario.

Gli strumenti azionari risentono di più e prima di uno shock, qualsiasi esso sia. Uno shock implica infatti: meno utili futuri per le aziende e un premio al rischio più alto richiesto dagli investitori per comprare azioni. Gli investitori richiedono un rendimento più alto per investire in aziende, a fronte dell'incertezze sono disposti a comprare solo a prezzi più bassi.

EFFETTO NETTO NEGATIVO


B) Obbligazionario a breve termine.

Gli strumenti obbligazionari a breve termine beneficiano di un abbassamento della curva dei tassi di interesse solitamente associato ad uno shock. Gli investitori spostano flussi da asset più rischiosi (azioni) ad asset meno rischiosi (bond e reddito fisso).

EFFETTO NETTO POSITIVO


C) Obbligazionario a lungo termine.

Come per le obbligazioni a breve termine l'effetto netto è il medesimo. Inoltre l'effetto netto positivo è amplificato dalla scadenza residua più lunga.

EFFETTO NETTO POSITIVO


D) Obbligazionario High Yield.

Le obbligazioni High Yield, le obbligazioni con rischio default più alto risentono di più dell'aumento del rischio. L'abbassamento della curva dei tassi non compensa il nuovo premio al rischio richiesto. I rendimenti di queste obbligazioni salgono velocemente, se i rendimenti salgono i prezzi scendono.

EFFETTO NETTO NEGATIVO


E) Materie prime

Le materie prime non hanno un comportamento univoco in caso di aumento del rischio. Sono un'asset class solitamente decorrelata (non seguono l'andamento del mercato). Nello scenario attuale l'effetto è pero positivo. La Russia è esportatore netto di materie prime, la crisi inciderà sull'offerta e quindi sull'eccesso di domanda e quindi sui prezzi.

EFFETTO NETTO POSITIVO


F) Oro, Dollaro e Titoli di Stato Investment Grade (USA / Germania ecc)

Queste asset class sono considerate "rifugi sicuri" in caso di aumento del rischio. L'effetto netto positivo deriva esclusivamente da un trasferimento di risorse da altri asset al dollaro, oro Titoli di Stato AAA. Fenomeno conosciuto come "fly to quality"

EFFETTO NETTO POSITIVO


Risulta chiaro come l'effetto netto non sia scontato . L'effetto sul valore del portafoglio deriva dai pesi delle singole asset class sul totale, dall'esposizione al dollaro, alle materie prime, alle scadenze medie dei bond detenuti e sempre dall'efficienza degli strumenti che lo compongono.

Strumenti costosi ed inefficienti perdono di più, recuperano più lentamente e salgono di meno.


Per il momento ci limitiamo ad osservare il panorama ed a a temporale terminato valuteremo la presenza di eventuali opportunità, certi che i portafogli dei nostri clienti hanno già le caratteristiche e gli elementi descritti sopra.



163 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti